Il rumore digitale: croce e delizia di ogni fotografo

noisePer qualcuno aggiunge un tocco di classe alle foto in bianco e nero, per altri è il nemico giurato di uno scatto perfetto. Il rumore è da sempre una componente della fotografia.

Su pellicola si chiamava grana ed era dovuto alla texture dell’emulsione, in digitale il risultato è lo stesso, un disturbo a puntini visibile soprattutto nelle aree uniformi, ma è dovuto ad un altro motivo.

Ci sono modi per controllare il rumore durante lo scatto in modo da non dover quasi intervenire in post-produzione e ottenere fotografie con la minor quantità di rumore possibile.

Cos’è il rumore digitale

Iniziamo col fare due parole semplici e veloci su cos’è il rumore digitale. Ogni sensore ha un disturbo innato detto rumore di fondo, misurabile con il rapporto segnale/rumore. Per i fotografi il segnale è la luce, quindi questo rapporto sta ad indicare quanto rumore sarà presente in confronto alla luce. Il rapporto segnale/rumore è influenzato sia dal calore prodotto dal sensore, che dalla quantità di luce che lo colpisce. Meno luce colpisce il sensore più evidente sarà il rumore. Analogamente più il sensore rimane acceso (es. esposizioni lunghe) più il rumore sarà visibile.

Quando alzi gli ISO aumenti il guadagno del sensore, ovvero gli chiedi di essere più sensibile alla luce. Manco a dirlo, il prezzo da pagare per questo aumento di sensibilità è un conseguente aumento del rapporto segnale/rumore. In parole povere il rumore si noterà di più.

Esistono due tipi di rumore: quello cromatico e quello di luminanza. Il primo, abbastanza facile da eliminare, si presenta come delle piccole macchie sparse, di colore magenta e verdi. Quello di luminanza è più difficile da eliminare e influisce negativamente sulla nitidezza della fotografia.

Noise-sample

Esposizione di 30 sec a ISO 3200 con Nikon D300 senza riduzione rumore

 

Controllare il rumore

Ora che hai capito cos’è il rumore digitale e come da cosa è causato possiamo individuare tre semplici accorgimenti (semplici mica sempre!) per ridurlo al minimo.

  • Usare bassi valori ISO
  • Usare tempi di esposizione veloci
  • Esporre correttamente la scena

Per scegliere il valore ISO più basso bisogna tenere presente che su alcune macchine fotografiche, come ad esempio le Nikon, sono presenti dei valori non numerici (LO 1.0 o HI 1.0). Questi valori sono un artificio per aumentare/diminuire il guadagno del sensore tramite il software della macchina fotografica. Nella mia Nikon D300, ad esempio, i valori nativi vanno da ISO 200 a ISO 3200, quindi la minima sensibilità del sensore sarà ISO 200.  Impostare LO 1.0 (ISO 100) non darà benefici in termini di rumore.

I tempi lunghi aumentano il rumore. Se hai scattato foto di notte ti sarai reso conto che anche impostando ISO bassi la quantità di rumore è comunque rilevante, come se avessi scattato ad alti ISO. Questo è dovuto al riscaldamento del sensore. Talvolta impostare un valore ISO un po’ più elevato può essere preferibile rispetto a diversi secondi di esposizione in più. Più i tempi sono lunghi e più la differenza si nota. Per fare un esempio, se ti occorrono 60 secondi a ISO 200 per esporre un paesaggio notturno, usare ISO 800 ed esporre per 15 secondi potrebbe portare risultati diversi in termini di rumore. Hai risparmiato ben 45 secondi! Diversamente se la scena richiede 6 sec a ISO 200 alzare gli ISO a 800 ti porta a scattare con un tempo di 2 secondi risparmiando solo 4 secondi. Non ne vale la pena.

Sempre riguardo i tempi di esposizione, esporre a destra è utile anche per aumentare la quantità di luce che colpisce il sensore (ricordate il segnale?) e quindi modificare il rapporto segnale/rumore. Più luce, meno rumore. Una foto sottoesposta sarà più rumorosa di una foto esposta correttamente. Sottoesporre la scena si usava spesso in analogico per saturare i colori e aumentare il contrasto, in digitale non è più una tecnica molto valida, se non in condizioni di luce ottimali. Una foto sovraesposta di 1/3 di stop a ISO 800 avrà meno rumore della stessa foto scattata agli stessi ISO ma  sottoesposta. L’importante è non bruciare le alte luci, ma quella è un’altra storia.

noise-sample-denoised

Grazie a Lightroom gran parte del rumore è sparito rendendo la foto più pulita

 

Niente paura, alzali (un po’)

Consiglio sempre di non avere troppa paura ad alzare gli ISO. Meglio una foto esposta correttamente a ISO 800 che una sottoesposta a ISO 400. Grazie agli strumenti di post-produzione come Lightroom (o Noise Ninja o Dfine) eliminare il rumore digitale da una foto correttamente esposta non sarà un grosso problema.

Riconosco che questi accorgimenti non è sempre facile metterli in pratica. Tipicamente si alzano gli ISO quando non c’è luce. Però tenendo a mente questi consigli, la prossima volta che scatterai una foto in condizioni di luce scarsa, sarai consapevole che forse è meglio aumentare un po’ gli ISO piuttosto che avere una foto sottoesposta. Se poi i rumore è proprio insopportabile puoi sempre usare Lightroom per eliminarlo.

Ti è piaciuto? Dai uno sguardo anche a...

Se hai trovato interessante questo post non perderti i prossimi.
Iscriviti ai feed RSS o abbonati alla newsletter, riceverai non più di una mail al mese. Il modo migliore per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità.

2 commenti

  1. Ciao Alessandro,
    sono sempre una gran fonte di utili informazioni i tuoi articoli ancor più perchè dettati dall’esperienza sul campo e quindi non sono solo un elenco di nozioni teoriche ma un vero e proprio resoconto di viaggio !

    Bravo e grazie.

    F.

  2. ciao Alessandro sono Domenico dalla prov. di bari,volevo congratularmi ,sei molto tecnico nel dare informazioni,volevo chiederti una informazione se puoi, ho ripreso la vecchia passione della fotografia abbandonata da più di quindici anni per motivi familiari, praticamente faccio parte come aiutante tecnico di una squadra di cicloamatori quindi quando posso faccio qualche foto con la mia canon g1x una compatta dalle grandi fantasie ma purtroppo spesso perdo l’attimo, ci vuole una reflex.puoi aiutarmi in questo senso a darmi qualche indirizzo dove veramente posso trovare una fotocamera usato sicuro oppure qualche sito dove posso trovare lo stesso prodotto a meno visto che purtroppo non lavoro più dal 2009 causa salute???.comprarne una nuova a prezzo pieno mi disturba sto cercando l’occasione perche la uso poco e non vorrei abbandonarla come ho fatto con la mia vecchia nikon f3 corredata di 4 obiettivi della f4. spero in una tua risposta cordiali saluti Domenico.

Lascia un commento


*

 
QR Code Business Card
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: